LE FERITE DEL TERREMOTO

terremoto-620x264

Quando la terra trema la fragilità umana si manifesta in tutta la sua ampiezza. Il terremoto con la sua carica devastante infligge perdite umane e spesso stravolge drammaticamente territori e geografie. Ma non solo. Apre sicuramente ferite individuali e collettive ma contemporaneamente evidenzia ampi scenari di paure ancestrali e terrori che l’uomo da sempre ha cercato di combattere con una sorta di delirio di onnipotenza illudendosi di dominare la natura.

Così quella terra che si muove sotto i nostri piedi fa emergere un profondo sentimento di precarietà che nascondiamo nelle profondità della psiche e mette in evidenza in questo mondo globalizzato una società dell’incertezza e una fragile comunità di individui che, come diceva Freud nel Disagio della civiltà, ha barattato un po’ di felicità con un po’ di sicurezza. Una sicurezza che oggi è sempre più sottile.

Così il terremoto, sinonimo di trauma, che vuol dire lesione o ferita, ci impone un’esperienza profonda e sconvolgente perché ha l’eco acuto e tagliente di qualcosa che lacera e mette in pericolo l’integrità fisica e psichica. Il movimento della terra è evento che paralizza e al contempo sommuove qualcosa di profondo legato all’identità delle persone, alle certezze di una vita e rende traballante la visione del futuro.

Metafora di questi vissuti profondi sono le immagini che documentano in tempo reale le crepe nei muri e quella nebbia polverosa in cui finisce la vita di una città o di un villaggio con gli edifici frantumati o feriti dal movimento tellurico. Rappresentano le fratture interne della psiche e quel caos confuso di emozioni che genera un presente paralizzato dal terrore per la totale precarietà dell’esistenza.

Allora conosciamo il dolore di chi sta sul campo o nelle tende, di chi si allontana dalla distruzione quel tanto che serve per contenere i fantasmi di morte e gli incubi legati all’inadeguatezza umana. A queste sofferenze più che urgenti tentiamo, subito, di dare risposta. Sono gli interventi di aiuto e i progetti di ricostruzione immediata che alimentano la fiducia e la resilienza, cioè la forza di sopravvivere per poi tornare a vivere. Come prima.

Risposte fondamentali. Ma allo stesso tempo c’è un’altra ricostruzione da fare e un altro territorio da rigenerare. È quello del sé. Perché più la terra trema e più si avvertono i nostri limiti. È a quella dimensione profonda dell’anima che dobbiamo mettere mano, riposizionare la coscienza e risanare un territorio alterato e ferito dove si intrecciano sentimenti opposti e incomprensibili che hanno a che fare con la rabbia e il dolore, la colpa e la sfiducia, il risentimento e l’impotenza. Con la vita e la morte. Per questa ricostruzione abbiamo bisogno di tempo e di chi ci possa aiutare a ritrovare quei punti cardinali andati persi e la forza di rimettere in piedi un nuovo calendario della vita.

Giuseppe Maiolo

LE FERITE DEL TERREMOTO ultima modifica: 2016-10-28T07:38:23+00:00 da Giuseppe Maiolo

Lascia un commento


*